In ambito stomatognatico

La collaborazione tra osteopatia e odontoiatria è da tempo assodata.
L’osteopata puo’ supportare gli interventi in ambito ortodontico: ad esempio in caso di utilizzo del bite per via del bruxismo (che consiste nel digrignare i denti) o a seguito di installazione dell’apparecchio. In quest’ultimo caso il trattamento manipolativo è consigliato sia prima, sia durante, sia dopo l’installazione, al fine di ridurre gli stress fisici e di sostenere l’adattamento del corpo ai cambiamenti che gli vengono imposti. Il trattamento manipolativo osteopatico mantiene infatti i tessuti elastici e flessibili.

Il ricorso all’osteopatia è inoltre raccomandato per problemi alla mandibola come malocclusioni, problemi di deglutizione o legati alla masticazione (dove i muscoli coinvolti, se troppo contratti, generano tensioni facciali alla mandibola, al collo e alla schiena).

Anche la tecnica osteopatica craniale è efficace per la risoluzione di disturbi relativi a bocca, denti, mandibola e ossa craniche; tutti malfunzionamenti con conseguenze sulla totalità del nostro corpo. Molte sintomatologie, infatti, come dolori alla testa, al collo e alla schiena, sensazioni di instabilità e di squilibrio nella postura, possono aver origine dalla bocca

Prenota la tua visita

In ambito stomatognatico

Potrebbe anche interessarti